L'Appendice è un organo utile al nostro organismo: ecco la sua funzione
Spesso abbiamo sentito ripetere che l’Appendice è un organo secondario, ma non è così: recenti studi hanno confermato la sua utilità anche per l'uomo moderno.
18093
post-template-default,single,single-post,postid-18093,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.2,vc_responsive

L’Appendice è un organo utile al nostro organismo: ecco la sua funzione

L'Appendice e la sua funzione

L’Appendice è un organo utile al nostro organismo: ecco la sua funzione

Spesso abbiamo sentito ripetere che l’Appendice è un organo secondario, residuale dall’evoluzione dell’uomo; ma non è così: recenti studi condotti presso la Midwestern University, in Arizona, ne hanno confermato invece un ruolo molto importante anche per l’”uomo moderno”. Certo, quando questa si infiamma può diventare molto pericolosa ed è opportuno affidarsi a un buon reparto di Chirurgia Generale per rimuoverla, ma ci sono alcune ragioni secondo le quali, prima di prendere decisioni drastiche, è bene tutelarla.

Vediamole insieme nel seguente articolo:

A cosa serve l’Appendice?

Quest’organo che si trova all’estremità dell’intestino, fungerebbe da riserva di “batteri buoni” quando questi scarseggerebbero al suo interno. Oltre 500 specie di animali sarebbero inoltre in possesso di appendice, molti dei quali con un regime alimentare diverso, ma tutti con una più alta concentrazione di tessuto linfoide nell’intestino cieco, ovvero la parte dell’apparato digerente da cui si sviluppa la stessa appendice. Questo tipo di tessuto svolge un ruolo molto importante per il sistema immunitario perché la maggiore concentrazione di batteri intestinali buoni, sufficienti a rimpiazzare quelli eventualmente persi a causa di terapie antibiotiche o infezioni intestinali, sarebbero di grande aiuto per la prevenzione della nostra salute.

Prevenzione e tutela dell’Appendice

L’infiammazione dell’Appendice si può prevenire mantenendo una ottimale funzionalità intestinale: una buona idratazione, un’alimentazione ricca di fibre e un’inalterata flora batterica possono certamente contribuire a mantenere sana l’Appendice. Inoltre, evitare un’eccessiva sedentarietà e un’alimentazione ricca di cibi raffinati, può essere d’aiuto alla causa. Nelle forme meno gravi di infiammazione, poi, tramite un breve periodo di digiuno, un’adeguata assunzione di liquidi e una cura antibiotica, è possibile ottenere una reversione dei sintomi (dolore che si estende perlopiù dall’ombelico alla parte destra dell’addome) ma nei casi più gravi è necessario rimuovere l’Appendice chirurgicamente.

Quando si verifica l’Appendicite e come intervenire?

L’Appendicite si verifica quando l’infiammazione dell’Appendice è di tale importanza da non consentire un intervento curativo o farmacologico, ma necessita esclusivamente di rimozione chirurgica dell’organo. Infatti, se non tempestivamente trattata, l’Appendicite può determinare conseguentemente un episodio di peritonite (processo infiammatorio, acuto o cronico, del peritoneo, la membrana sierosa sottile e trasparente che riveste la cavità addominale e numerosi organi ivi contenuti) che può rivelarsi molto pericolosa. I sintomi in questi casi si identificano in un dolore lancinante all’addome, che non lascia dubbi sull’urgenza dell’intervento. È sempre opportuno non trascurare alcun sintomo o disturbo, quindi, ed effettuare le opportune visite di controllo.

La Clinica Athena mette a disposizione dei suoi pazienti una struttura all’avanguardia e personale medico altamente specializzato e dispone di un’unità operativa di Chirurgia Generale altamente qualificata.

Siamo a tua completa disposizione: tutte le info sul nostro sito; in caso di dubbi o perplessità non esitare a prenotare un colloquio con un medico specialista.

No Comments

Post A Comment