RIVOLUZIONE TAC: MENO RADIAZIONI PIU’ PRECISIONE. - Clinica Athena
18116
post-template-default,single,single-post,postid-18116,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.2,vc_responsive

RIVOLUZIONE TAC: MENO RADIAZIONI PIU’ PRECISIONE.

RIVOLUZIONE TAC: MENO RADIAZIONI PIU’ PRECISIONE.

La TAC è un esame importantissimo nel campo della diagnostica per immagini. Ma come funziona e quali sono i progressi fatti in campo medico legati a questo macchinario?
Abbiamo intervistato la Dott.ssa Carolina Di Pietro, Vicepresidente della Clinica Athena, che ha risposto alle nostre domande evidenziando cosa fa la Clinica per garantire ai propri pazienti il meglio della tecnologia e dell’assistenza.

 In cosa consiste la TAC e perché questo esame è importante?
La TAC è un esame indispensabile per diagnosticare patologie di varia natura. Si svolge al seguito di una visita specialistica e l’acronimo significa Tomografia Assiale Computerizzata. La TAC si basa sull’uso di raggi X per ottenere immagini di diagnostica che indagano le sezioni corporee interessate.
Dal momento che i campi esaminati vanno da quello neurologico a quello scheletrico, toracico, addominale, oncologico di ogni distretto, ginecologico, vascolare, cardiaco e traumatologico si comprende quanto sia diventato indispensabile questo strumento per individuare specifiche patologie e prevenirne la degenerazione.

Molti progressi sono stati fatti in materia, attualmente quali sono i vantaggi delle moderne apparecchiature?
Rispetto alle prime apparecchiature utilizzate a partire dagli anni Settanta che, nell’arco di diversi minuti, generavano l’immagine di una sola sezione, attualmente, grazie alla Tac Spirale Multistrato, è possibile ottenere centinaia di immagini al secondo di sezioni corporee più ampie: questo grazie all’uso di file parallele di rilevatori.

E per quanto riguarda le radiazioni a cui si è sottoposti per svolgere questo esame?
Anche su questo versante sono stati fatti passi da gigante. La Tomografia Computerizzata moderna ha permesso una consistente riduzione della dose di radiazioni necessaria per generare le immagini. Cosa che, chiaramente, incide in senso positivo sulla salvaguardia dei pazienti. Le radiazioni usate in campo medico molto spesso sono viste con sospetto e preoccupazione, ma sono necessarie, perché permettono di individuare patologie che altrimenti resterebbero nascoste. Inoltre non bisogna dimenticare che tutti i giorni siamo sottoposti a radiazioni “naturali” basti pensare alla luce solare o al radon.

Come è stato possibile ridurre il numero di radiazioni?
Non è stato facile. All’inizio degli anni ’90 per ottenere immagini sempre più dettagliate, il numero di radiazioni emesse durante la TAC era notevole, se rapportato ad oggi. Con il passare del tempo ci si è resi conto che ciò poteva comportare un rischio per i pazienti, per cui le ricerche si sono indirizzate verso nuove soluzioni per rendere le apparecchiature più sicure. Tali ricerche hanno consentito lo sviluppo di nuove metodologie, ma il vero cambiamento è avvenuto in tempi relativamente recenti, adottando soluzioni specifiche in base al settore corporeo da esaminare e comportando una riduzione di radiazioni dal 30 al 50%.

Molti soggetti claustrofobici sono preoccupati di sottoporsi ad una TAC per problemi di comfort, c’è un modo per andare incontro alle loro esigenze?
Attualmente esistono macchinari che permettono ai pazienti di disporsi in modo che non si sentano troppo costretti nello spazio: è infatti possibile restare con la testa al di fuori dell’anello, in posizione invertita rispetto a quella prevista dai vecchi macchinari.

Clinica Athena è una struttura moderna e in continua evoluzione per assicurare il meglio ai propri pazienti. In che direzione si sta muovendo per quanto riguarda l’esame TAC?
Presso la nostra Clinica il benessere dei pazienti è uno dei principali obiettivi. Per questo ci siamo dotati di un Tomografo Computerizzato a 128 strati, una apparecchiatura altamente performante, di recente tecnologia che prevede:

– minor numero di radiazioni
– altissima precisione dei risultati
– esami svolti in breve tempo

Come indica il nome, con questo strumento è possibile esaminare fino a 128 strati corporei ed effettuare elaborazioni tridimensionali. Inoltre è particolarmente utile per indagare le aree più delicate (come il cuore), e parti anatomiche cave (come il colon, le vie aeree o i vasi sanguigni), che fino ad oggi venivano esaminate con tecniche sicuramente più aggressive per il paziente.

L’esame può essere prenotato chiamando al numero 0823 784666 o compilando il form online su www.clinicathena.it/contatti
Ricordiamo inoltre che questo esame è eseguito in Convenzione con il S.S.N.

 

No Comments

Post A Comment