Anemia da carenza di ferro - sintomi e cura | Clinica Athena
18154
post-template-default,single,single-post,postid-18154,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.2,vc_responsive

Anemia da carenza di ferro – sintomi e cura

Anemia da carenza di ferro – sintomi e cura

Anemia da carenza di ferro –

La carenza di ferro è una delle cause più comuni dell’anemia.
Per”anemia” si intende la condizione in cui il valore di emoglobina è inferiore ai 14 g/dl nell’uomo, ai 12 g/dl nella donna e agli 11 g/dl nella donna gravida.
Il ferro è un costituente fondamentale dell’emoglobina che, contenuta nei globuli rossi, è indispensabile per il trasporto dell’ossigeno attraverso il sangue: di conseguenza, quando viene a mancare il ferro si determina una ridotta capacità del sangue a trasportare l’ossigeno.

Chiaramente, va specificato che l’anemia da carenza di ferro è diversa dalle altre condizioni di anemia costituite essenzialmente dalle sindromi talassemiche e dall’anemia delle malattie croniche.

Cause dell’anemia da carenza di ferro

La carenza di ferro può essere determinata da:

  • apporto inadeguato;
  • assorbimento inadeguato;
  • aumentato fabbisogno;
  • perdita protratta di ferro dovuta a perdite di sangue.

Sintomi

I sintomi  più comuni dell’anemia sideropenica comprendono:

  • sensazione di stanchezza
  • spossatezza
  • respiro corto
  • difficoltà nel compiere sforzi.

Possono presentarsi sintomi più acuti quali:

  • stato confusionale
  • sensazione di svenimento
  • aumento della sete
  • aspetto notevolmente pallido

La carenza di ferro può causare anche disturbi del comportamento quali la ridotta capacità di concentrazione nell’adulto e ridotto rendimento scolastico nel bambino e, a seconda dell’intensità possono verificarsi  caduta dei capelli, unghie sottili o fragili, e infiammazione delle mucosi orali (stomatite e glossite).

Diagnosi:

Perciò n presenza di tali sintomi, si può procedere per una diagnosi.
Gli esami di laboratorio a cui sottoporsi comprendono

  • sideremia
  • transferrina
  •  ferritina
  • Calcolo della saturazione percentuale della transferrina;
  • emocormo

Terapia

Una volta presa visione degli esami, comunque, sarà il medico a somministrare la terapia più adatta. Sicuramente, migliorare l’alimentazione e assumere integratori può per ristabilire il corretto livello di ferro nell’organismo. Tuttavia, qualora né l’integrazione di ferro, né la correzione delle abitudini alimentari fossero sufficienti per curare l’anemia sideropenica, il paziente deve sottoporsi a controlli più approfonditi, al fine di individuare la vera causa che scatena la carenza di ferro nel sangue.

Il nostro Laboratorio Analisi  opera sia a supporto delle attività di ricovero che a servizio di pazienti esterni. Tale attività è erogata in convezione con il S.S.N.

Possono rivolgersi alla Clinica tutti i cittadini che lo desiderano, muniti o meno di impegnativa ASL.

Per l’accesso al servizio non è necessaria la prenotazione, pertanto il paziente può recarsi direttamente presso il CUA del laboratorio per l’accettazione e lo svolgimento dell’esame dalle ore 07.15 alle 10.30 tutti i giorni feriali.

i documenti necessari da esibire al personale dell’ accettazione sono:

  • Impegnativa del medico curante
  • Documento di riconoscimento
  • Eventuale tessera di esenzione

Per tutte le informazioni è possibile chiamare al numero 0823.784666 o visitare il nostro sito www.clinicathena.it

No Comments

Post A Comment