Fascite plantare: sintomi e cura | Clinica Athena
18183
post-template-default,single,single-post,postid-18183,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.2,vc_responsive

Fascite plantare: sintomi e cura

Fascite plantare: sintomi e cura

La fascite plantare è una patologia molto frequente che consiste in un’infiammazione della fascia plantare. Si manifesta con un dolore più o meno acuto al tallone ed è causata dalla ripetizione continua di sforzi a livello podalico.
Ad essere affetti dalla fascite plantare sono soprattutto gli sportivi,  ma possono esserne colpiti anche soggetti sedentari obesi o diabetici. La zona precisa colpita dall’infiammazione è il  legamento arcuato,  una fascia fibrosa che unisce la zona plantare interna del calcagno con la base delle dita. A seguito di sforzi e sollecitazioni eccessive il legamento perde di elasticità ed è soggetto ad un accorciamento.

I sintomi:
il sintomo più frequente è un fastidio o un vero e proprio dolore nella parte interna del tallone; questo si manifesta soprattutto al mattino, appena svegli e può rendere difficoltoso compiere azioni semplici quali camminare o salire le scale.

Diagnosi:
il modo più rapido per diagnosticare una fascite plantare è una attenta visita medica in cui viene analizzata la sintomatologia. Su consiglio dello specialista, inoltre, potrebbero essere necessari esami quali radiografie o risonanze magnetiche per assicurarsi che all’origine del dolore non ci sia un’altra causa (come lesioni o lo schiacciamento di un nervo).

Cura:

  1. Riposare ed evitare sforzi: soprattutto all’inizio dell’insorgenza è opportuno evitare lunghe percorrenze a piedi e sospendere gli allenamenti sportivi.
  2.  Ghiaccio: il ghiaccio attenua alcuni sintomi tipici della fascite plantare come il dolore e il gonfiore
  3. Se il dolore è  intenso e persiste può essere necessario usare delle stampelle in modo da non affaticare il piede dolente
  4. Plantari e tutori: anche plantari e tutori sono utili per aiutare a scaricare correttamente il peso del corpo e non affaticare troppo il piede colpito da fascite,permettendo di continuare a svolgere le attività quotidiane
  5. Antinfiammatori: se il dolore è molto forte, si può procedere con medicinali antinfiammatori

 

La diagnosi è eseguita dal medico ortopedico o fisiatra ed è una visita dalle breve durata che non necessita di macchinari specifici. In alcuni casi, però, può essere richiesta una radiografia o una risonanza magnetica per escludere altre patologie come le fratture.

Presso la nostra Clinica è possibile prenotare una visita specialistica compilando il modulo online all’indirizzo www.clinicathena.it/visite-specialistiche/ oppure chiamando al numero 0823.784666

No Comments

Post A Comment